Contributi a fondo perduto per startup: la GUIDA

Contributi a fondo perduto per startup

Anche in questi ultimi mesi del 2023, l’accesso a contributi a fondo perduto continua a essere una risorsa cruciale e sempre più rilevante per le startup. In un’epoca in cui l’innovazione e l’adattamento sono essenziali, questi finanziamenti offrono un’opportunità vitale per le giovani imprese in fase di sviluppo. Grazie a questi contributi, le startup possono investire in innovazione, ricerca e crescita senza la pressione finanziaria del rimborso. Questo può fare la differenza tra il successo e il fallimento in un mercato competitivo e in rapida evoluzione. Ecco una guida completa e aggiornata, pensata per aiutare le startup a navigare nel complesso mondo dei contributi a fondo perduto, con consigli pratici su come accedervi e sfruttarli al meglio. Continua a leggere.

Cos’è un contributo a fondo perduto?

Un contributo a fondo perduto è un tipo di finanziamento non rimborsabile fornito da enti governativi, organizzazioni o fondazioni. A differenza dei prestiti, non richiedono quindi un rimborso, rendendoli particolarmente attraenti sia per le PMi che per le startup, che hanno bisogno di capitali per crescere ma non dispongono ancora di un flusso di entrate stabile.

I contributi a fondo perduto possono provenire da diverse fonti, incluse:

  • Unione Europea: Fornisce diversi programmi di finanziamento, spesso mirati a specifici settori o obiettivi di innovazione.
  • Governo Nazionale e Regionale: Propone programmi di finanziamento a sostegno delle startup in diverse fasi di sviluppo.
  • Enti Privati e Fondazioni: A volte offrono contributi a fondo perduto come parte delle loro iniziative di responsabilità sociale.

Quando un’azienda è classificabile come startup?

Quando parliamo di “startup”, ci riferiamo a un tipo di azienda che si distingue per diversi aspetti, i quali possono variare a seconda del contesto legislativo e di mercato. Ma, ci sono alcuni tratti fondamentali che comunemente definiscono cosa sia una startup:

  • Età dell’azienda: Le startup sono di solito aziende emergenti, spesso attive da meno di cinque anni.
  • Dimensioni: Tipicamente, le startup sono imprese di piccole o medie dimensioni, con un team ristretto ma efficiente.
  • Aspirazioni di grande crescita: Contrariamente alle piccole imprese tradizionali, le startup puntano a una crescita rapida e significativa.
  • Pionieri dell’innovazione: Si distinguono per il loro spirito innovativo, che si riflette sia nei loro prodotti o servizi sia nel loro modello di business.
  • Ricerca di finanziamenti: Per potenziare la loro crescita, le startup tendono a cercare capitali esterni, attingendo da fonti come investitori privati, venture capital, crowdfunding o sovvenzioni.
  • Mentalità flessibile e volta a sperimentare: Queste aziende adottano una mentalità aperta e propensa al rischio, con una cultura aziendale che favorisce l’innovazione e la sperimentazione.
  • Settore operativo: Molte startup si trovano in ambiti tecnologici o digitali, sebbene non sia una regola assolutas
  • Focus sulla Scalabilità: Il loro obiettivo è sviluppare modelli di business che possano crescere rapidamente e adattarsi a diversi mercati o settori.
  • Soluzioni Innovative per Problemi Attuali: Molte startup si propongono di affrontare problemi sociali, economici o ambientali con approcci nuovi e creativi.

Quindi, una startup è caratterizzata dall’essere una realtà aziendale giovane e piena di energia, con un forte accento sull’innovazione e una crescita veloce, spesso guidata dall’uso di nuove tecnologie e approcci commerciali originali. La loro identificazione può variare in base alle leggi e alle dinamiche di mercato locali.

Perché i contributi a fondo perduto sono importanti per le startup?

I contributi a fondo perduto rivestono un’importanza cruciale per le startup per diversi motivi. Prima di tutto, rappresentano una fonte di finanziamento non onerosa, essendo somme di denaro che non richiedono rimborso. Questo aspetto riduce significativamente il rischio finanziario per queste giovani imprese, che spesso operano con budget limitati e sono particolarmente vulnerabili nelle prime fasi della loro crescita.

Inoltre, la disponibilità di tali fondi permette alle startup di concentrare le loro risorse sullo sviluppo e l’innovazione, piuttosto che sulla gestione del debito. I contributi a fondo perduto possono anche fungere da leva per attrarre ulteriori investimenti, aumentando la credibilità e la stabilità finanziaria della startup agli occhi di potenziali investitori.

Infine, essi forniscono un sostegno essenziale per sperimentare, innovare e scalare in mercati spesso saturi e competitivi, permettendo alle startup di realizzare progetti ambiziosi che altrimenti sarebbero stati fuori dalla loro portata.

3 contributi a fondo perduto per startup che sono attivi

Anche negli ultimi mesi del 2023, in Italia, le startup hanno accesso a diversi interessanti contributi a fondo perduto. Di seguito ne proponiamo 3, attualmente attivi, a cui presentare domanda.

1. Bando Nuova Impresa della Regione Lombardia

Un altro programma rilevante è il “Bando Nuova Impresa” della Regione Lombardia, mirato a sostenere le giovani imprese nel settore tecnologico, con particolare attenzione alla digitalizzazione e alla sostenibilità ambientale. Questo programma è particolarmente incentrato sulla promozione della digitalizzazione e dello sviluppo sostenibile. Offre un contributo a fondo perduto fino al 50% delle spese ammissibili alle startup che si impegnano in progetti innovativi, sostenendo in modo particolare quelle iniziative che si orientano verso soluzioni ecocompatibili o che utilizzano la tecnologia per migliorare l’efficienza e la sostenibilità. Il bando Nuova Impresa scade il 28 marzo 2024 alle ore 12:00.

2. ON – Nuove imprese a tasso zero

ON – Oltre Nuove Imprese a Tasso Zero è rivolto alle micro, piccole e medie imprese, ma dà particolare attenzione alle startup. Questa iniziativa, promossa dal Ministero dello Sviluppo Economico, si focalizza sull’offrire prestiti a tasso zero per sostenere la creazione e lo sviluppo di nuove imprese in Italia. Il programma è particolarmente vantaggioso per gli imprenditori emergenti, poiché fornisce sia un contributo a fondo perduto, sia un finanziamento senza l’onere degli interessi (quindi, a tasso zero), facilitando così l’avvio e la crescita di nuove attività commerciali. ON copre una varietà di spese aziendali, tra cui l’acquisto di macchinari, attrezzature, tecnologie, e la realizzazione di investimenti immateriali come software e servizi digitali. È una risorsa preziosa per le startup che cercano di stabilirsi e espandersi nel competitivo panorama imprenditoriale italiano, permettendo loro di investire in risorse e innovazioni essenziali con un impatto finanziario ridotto.

3. Smart&Start Italia di Invitalia

Infine, c’è il programma Smart&Start Italia di Invitalia, che supporta le startup innovative su tutto il territorio nazionale, offrendo non solo finanziamenti a fondo perduto ma anche servizi di mentorship e assistenza nella crescita aziendale. Oltre a fornire finanziamenti a fondo perduto, questo programma si distingue per il suo approccio olistico, offrendo servizi di mentorship e assistenza nella crescita aziendale. È un’opportunità ideale per le startup che cercano non solo supporto finanziario ma anche una guida strategica e operativa per lo sviluppo del loro business. Il programma è aperto a una vasta gamma di settori, rendendolo una risorsa preziosa per molteplici tipi di imprese innovative.

Questi 3 bandi per startup danno agli aspiranti e ai neo imprenditori l’opportunità di accedere a risorse finanziarie cruciali per lo sviluppo e il consolidamento sul mercato.

Come accedere ai contributi a fondo perduto se sei una startup

Per accedere con successo ai bandi per startup, è fondamentale effettuare un’attenta analisi dei requisiti specifici di ogni bando. Questa analisi include la preparazione di tutta la documentazione necessaria come certificazioni, documenti legali, contabili, fiscali e un business plan ben articolato. È cruciale redigere un piano di progetto dettagliato, spiegando come verranno utilizzati i fondi per raggiungere gli obiettivi del bando.

Ottenere finanziamenti non si limita a vincere il bando; è altrettanto importante saper rendicontare l’utilizzo dei fondi, specialmente per i bandi pubblici. I criteri di valutazione devono essere rispettati scrupolosamente, e le spese sostenute devono corrispondere a quelle richieste dal bando. Inoltre, alcuni bandi adottano la regola del de minimis, che limita l’importo degli aiuti finanziari che un’impresa può ricevere nell’arco di tre anni fiscali. Questi aiuti possono includere contributi a fondo perduto, finanziamenti agevolati, crediti di imposta, e altre forme di agevolazione fiscale.

Tutto questo fa capire quanto sia importante approcciarsi in modo professionale al mondo della finanza agevolata. Per evitare di commettere errori che possono precludere l’accesso ai contributi a fondo perduto, una startup dovrebbe affidarsi a consulenti esperti in finanza agevolata, come Finera.

Se vuoi avere maggiori informazioni e scoprire come possiamo supportarti per accedere senza intoppi ai contributi a fondo perduto per la tua startup, fissa una consulenza gratuita e non vincolante con il nostro Team.

Blog finera

Cerchi liquidità e contributi per la tua azienda?

Oltre 500 imprese ci hanno già scelto

Scopri tutte le opportunità di cui l’azienda può benificiare fissando ora una prima consulenza gratuita.

Ultimi articoli

Società benefit

Società Benefit: cosa sono, requisiti e vantaggi

La società benefit è una forma giuridica introdotta in Italia solo nel 2016. Questa tipologia di società ha tre caratteristiche: scopo, responsabilità e trasparenza. Ma come funzionano le società benefit? Quali sono i requisiti per diventarlo e quali vantaggi ne trae un’azienda? Scopri i dettagli in questa guida.

Leggi tutto →

Cerchi liquidità e contributi per la tua azienda?

Oltre 500 imprese ci hanno già scelto

Scopri tutte le opportunità di cui la tua azienda può benificiare fissando ora una prima consulenza gratuita.