Credito d’imposta 2024: la guida definitiva per le PMI

Crediti d'imposta 2024

Si definisce credito d’imposta un credito che la tua azienda può vantare nei confronti dello Stato. Può essere utilizzato per ridurre l’ammontare di eventuali debiti dell’azienda nei confronti dell’erario, per il pagamento dei tributi e, in alcuni casi, se ne può chiedere la restituzione attraverso la dichiarazione dei redditi.

Già questi vantaggi rendono il credito d’imposta una formula molto interessante. Ma gli aspetti utili di questa agevolazione, non si limitano a questi benefici. Se vuoi approfondire il tema del credito d’imposta e capire se con la tua azienda puoi accedere a queste agevolazioni dello Stato, questa guida definitiva sul credito d’imposta 2024 è quello che fa per te; abbiamo raccolto tutto quello che c’è da sapere sul credito d’imposta, da come ottenerlo a come utilizzarlo a vantaggio della tua impresa. Continua a leggere per tutti i dettagli.

Cos’è il credito d’imposta?

Il credito d’imposta è una forma di incentivazione fiscale che viene offerta alle imprese per supportare i loro investimenti e progetti. Questo tipo di credito d’imposta viene offerto come sconto sulle tasse che l’impresa deve pagare allo Stato, con l’obiettivo di incoraggiare lo sviluppo economico e la crescita delle aziende.

Il credito d’imposta è disponibile per una vasta gamma di attività, come la ricerca e lo sviluppo, l’acquisto di nuove attrezzature, la formazione del personale e altro ancora. I dettagli specifici sui requisiti e le modalità di accesso al credito d’imposta variano a seconda delle politiche fiscali e delle leggi del Paese o della regione in cui l’impresa opera.

Si tratta quindi di un’opportunità per le imprese, che permette di ridurre le tasse e supportare la crescita e lo sviluppo aziendale.

Come fare ad avere questo credito nei confronti dello Stato?

Il credito nei confronti dello stato può essere ottenuto presentando una richiesta alle autorità competenti, generalmente l’Agenzia delle Entrate o il Ministero dello Sviluppo Economico. Ogni credito d’imposta ha le sue regole e i suoi requisiti, tuttavia per ottenere il credito d’imposta, solitamente le aziende devono:

  • Verificare la propria eleggibilità, assicurandosi di soddisfare i requisiti richiesti per poter accedere al credito d’imposta.
  • Acquisire i beni o i servizi che rientrano nei criteri di ammissibilità del credito d’imposta. Ad esempio, per alcuni crediti d’imposta, le aziende devono acquistare beni o servizi specifici, come tecnologie green o lavori di ristrutturazione.
  • Presentare la richiesta di credito d’imposta accompagnata da tutta la documentazione richiesta, come fatture, contratti, etc.
  • Solo per le imprese del Mezzogiorno si aggiunge un passaggio, in quanto devono attendere la verifica e l’approvazione della richiesta da parte delle autorità competenti. Se approvata, le aziende riceveranno un rimborso o una riduzione dell’importo dovuto a titolo di imposte.

Questi sono solo i passi generali per ottenere il credito d’imposta, che potrebbero variare a seconda delle leggi e delle circostanze specifiche. È quindi importante che le aziende si informino e consultino le fonti ufficiali per conoscere i dettagli sul credito d’imposta di cui sono interessate.

Quali sono i vantaggi dei crediti d’imposta?

I crediti d’imposta possono essere sfruttati in vari modi e apportare quindi due interessanti vantaggi alla tua attività. Uno è sicuramente la compensazione dei crediti fiscali, mentre il secondo è il rimborso del credito d’imposta. Ma vediamoli nel dettaglio.

1. Il primo vantaggio è la compensazione dei crediti fiscali

Come dicevo, il primo vantaggio del credito d’imposta è la possibilità di sfruttarlo in compensazione. La compensazione si basa su quel meccanismo per cui, quando vanti contemporaneamente un credito (il credito d’imposta) e un debito (le imposte da pagare al momento della dichiarazione dei redditi), credito e debito si annullano o si compensano. Quando hai un credito di imposta, quindi, puoi ottenere uno sconto, annullamento, o rimborso in dichiarazione dei redditi.

In questo caso, l’unico modo per far valere il proprio credito d’imposta e attraverso il modello F24 da inoltrare all’agenzia delle entrate. Puoi rivolgerti all’agenzia delle entrate attraverso il portale online, in modo autonomo o attraverso intermediari come ad esempio i CAF.

2. Il secondo vantaggio è: il rimborso dei crediti di imposta

Al momento della dichiarazione dei redditi, dopo aver effettuato la verifica, il rimborso viene erogato direttamente dall’Agenzia delle Entrate. Oltre che in compensazione con il modello F24, il credito d’imposta può essere richiesto come rimborso attraverso il modello 730. In questo caso, il rimborso viene erogato in busta paga (quindi dal datore di lavoro) o nella pensione (quindi dall’ente pensionistico). Indipendentemente dalla modalità, l’Agenzia delle entrate può effettuare controlli e verifiche sulle documentazioni per cifre superiori a 4000 €.

Come si calcola il credito d’imposta?

Come abbiamo già accennato, il credito d’imposta si genera in relazione ad agevolazioni messe a disposizione dallo Stato. Il calcolo del credito d’imposta deve quindi sempre fare riferimento alla normativa che regola l’agevolazione e quindi il credito d’imposta stesso. Possiamo fornire, proprio come riporta il sito stesso dell’agenzia delle entrate nella sua nota informativa “come si calcola il credito d’imposta”, questa formula generale:

Credito d’imposta = Investimento netto X intensità dell’aiuto

Il credito d’imposta è sempre calcolato a partire dall’ammontare dei costi sostenuti. In altre parole, il credito d’imposta corrisponde sempre a una percentuale (che può corrispondere anche al totale, ovvero al 100% delle spese sostenute) dell’investimento sostenuto dall’impresa. Ma di che tipo di investimento parliamo? Anche in questo caso si deve fare riferimento all’agevolazione in esame. Il testo di riferimento specificherà quali sono gli investimenti agevolabili. L’investimento netto della nostra formula, quindi, corrisponde al totale delle spese ammissibili.

Credito d’imposta beni strumentali 2024: come funziona Transizione 5.0

Il Piano Transizione 5.0, approvato nel Consiglio dei Ministri del 26 febbraio, si inserisce come fulcro per la sostenibilità e l’innovazione tecnologica delle aziende italiane. Con un fondo di 6,3 miliardi di euro per il 2024-2025, e un ulteriore apporto di 6,4 miliardi dalla Legge di Bilancio 2024, il piano mira a indirizzare l’economia verso pratiche eco-sostenibili e digitalizzate, raccogliendo una dotazione totale di circa 13 miliardi di euro.

Spese ammesse da Transizione 5.0

Il piano copre le spese per l’innovazione elencate negli allegati A e B della Legge 232/2016, inclusi beni per l’autoproduzione di energia rinnovabile e formazione del personale. I crediti d’imposta non sono cumulabili con altri incentivi simili. Il Piano Transizione 5.0 rappresenta un’opportunità per le imprese italiane di avanzare verso un futuro più sostenibile e tecnologicamente avanzato, sostenendo gli investimenti necessari per una trasformazione ecologica e digitale del tessuto produttivo nazionale.

Aliquote Transizione 5.0

Le aliquote del credito d’imposta variano dal 35% al 5% in base all’entità dell’investimento, con potenziali aumenti per le imprese che eccedono gli obiettivi di risparmio energetico. È richiesta l’interconnessione dei beni con il sistema gestionale aziendale e una certificazione degli investimenti.

Credito d’imposta ZES Unica SUD

Dall’inizio del 2024, le imprese che realizzano investimenti nelle aree incluse nella Zes Unica Sud beneficiano di un incentivo fiscale sotto forma di credito d’imposta, in linea con i massimi previsti dalla Carta degli aiuti regionali 2022-2027. Le aliquote per le grandi imprese sono del 15% per l’Abruzzo, del 30% per Molise, Basilicata e Sardegna, e del 40% per Campania, Puglia, Calabria e Sicilia, con un incremento di 10 punti percentuali per le medie imprese e di 20 per le piccole.

Questo incentivo può essere cumulato con altre agevolazioni, rispettando i limiti imposti dalla normativa europea. Non sono ammissibili le aziende in liquidazione o in condizioni simili, così come quelle dei settori esclusi dalla normativa.

Il credito d’imposta Zes Unica si applica a spese in beni o investimenti immobiliari effettuati dal 1° gennaio al 15 novembre 2024, esclusivamente per l’acquisto o il leasing di immobili, terreni o beni strumentali destinati a strutture produttive. Con la nuova regolamentazione, il valore degli investimenti immobiliari non può eccedere il 50% del totale, con un investimento compreso tra 200mila euro e 100 milioni di euro.

L’incentivo è fruibile solo in compensazione, non è soggetto al limite annuale di 250.000 euro. Inoltre, può essere rideterminato se i beni non sono operativi entro il secondo anno fiscale dall’acquisto o se vengono ceduti o non utilizzati come previsto entro cinque anni. Le agevolazioni verranno revocate se le imprese non mantengono l’attività nelle aree di investimento per almeno cinque anni dopo il completamento dell’investimento.

Questi incentivi sono concepiti per stimolare l’innovazione, sostenere la crescita e facilitare l’accesso al credito per le imprese. È importante notare che per accedere a questi crediti d’imposta, le imprese devono soddisfare determinati criteri e seguire le procedure di domanda specificate dalle normative vigenti.

Credito d’imposta bonus pubblicità 2024

Il credito d’imposta per gli investimenti pubblicitari del 2024, con scadenza prorogata al 2 aprile, offre un’agevolazione fiscale sotto forma di credito d’imposta del 75% sugli investimenti incrementali in pubblicità, riservata a imprese, lavoratori autonomi ed enti non commerciali. Gli investimenti devono essere almeno dell’1% superiori rispetto all’anno precedente e riguardare l’acquisto di spazi pubblicitari o inserzioni commerciali su giornali quotidiani e periodici, sia nazionali che locali, pubblicati in carta stampata o in formato digitale. La versione digitale può includere contenuti multimediali e funzionalità che ne migliorano l’accessibilità, compresa la possibilità di inserire commenti pubblici e funzionalità dedicate alle persone con disabilità.

Aspetto importante per essere ammissibili, le spese per l’acquisto di pubblicità devono essere nette di spese accessorie e di intermediazione.

FAQ: tutte le risposte sul credito d’imposta

Cosa si intende per credito di imposta?

Il credito d’imposta è una forma di agevolazione fiscale che permette alle aziende di recuperare una parte dei costi sostenuti per determinati investimenti, riducendo così il proprio carico fiscale. Questo viene calcolato come una percentuale del costo degli investimenti e viene sottratto dall’imposta dovuta. La disponibilità e le condizioni per ottenere il credito d’imposta variano a seconda delle leggi fiscali e delle politiche economiche in vigore in un determinato paese o regione.

Quando si ha diritto al credito d’imposta?

Il diritto al credito d’imposta dipende dalle leggi fiscali vigenti e dalle condizioni stabilite dallo Stato per determinate attività o investimenti. Solitamente, per averne diritto, è necessario soddisfare determinati requisiti legati alla natura e all’entità dell’investimento o dell’attività, e presentare la richiesta entro un termine prestabilito.

Come faccio a sapere il mio credito d’imposta?

Il credito d’imposta è determinato in base alle leggi fiscali e può variare in base a circostanze specifiche. Si può verificare il proprio credito d’imposta consultando la documentazione fiscale o rivolgendosi al proprio commercialista o all’Agenzia delle Entrate.

Chi può ricevere il credito d’imposta?

Il credito d’imposta può essere richiesto da imprese, lavoratori autonomi e professionisti per determinati investimenti o attività. La disponibilità e le condizioni per ottenere il credito possono variare in base alle leggi vigenti e ai provvedimenti governativi.

Cosa significa cedere il credito?

Il credito d’imposta è cedibile. La cessione del credito può diventare un’ulteriore opportunità per le imprese. Quando il credito viene ceduto, in genere a un istituto finanziario, si può ottenere liquidità immediata in forma di finanziamento. In questo modo, il credito d’imposta si trasforma in una formula che può essere sfruttata in maniera diversa e più rapida.

Come ottenere il credito d’imposta per la tua azienda nel 2024

Arrivato fino a qui, hai capito che esiste più di un credito d’imposta. A questo punto, sei in grado di scegliere quello più conveniente per la tua impresa. Tuttavia, devi sapere che inviare una richiesta all’Agenzia delle Entrate può essere complesso. Devi preparare un’apposita comunicazione nella quale indichi tutti i dettagli degli investimenti agevolabili effettuati e di quale credito d’imposta vuoi fruire.  

Ricordati, quindi, di conservare tutte le fatture e le ricevute fiscali in tuo possesso. Se necessiti di ulteriore supporto per la tua pratica istruttoria, puoi affidarti a una società esperta in finanza agevolata e consulenza in finanza aziendale, come noi di Finera. Finera è in grado di valutare e di scegliere la soluzione su misura per te e la tua impresa grazie a un team di professionisti altamente qualificati. Richiedi ora una consulenza gratuita per avere maggiori informazioni.

Blog finera

Cerchi liquidità e contributi per la tua azienda?

Oltre 500 imprese ci hanno già scelto

Scopri tutte le opportunità di cui l’azienda può benificiare fissando ora una prima consulenza gratuita.

Ultimi articoli

Società benefit

Società Benefit: cosa sono, requisiti e vantaggi

La società benefit è una forma giuridica introdotta in Italia solo nel 2016. Questa tipologia di società ha tre caratteristiche: scopo, responsabilità e trasparenza. Ma come funzionano le società benefit? Quali sono i requisiti per diventarlo e quali vantaggi ne trae un’azienda? Scopri i dettagli in questa guida.

Leggi tutto →

Cerchi liquidità e contributi per la tua azienda?

Oltre 500 imprese ci hanno già scelto

Scopri tutte le opportunità di cui la tua azienda può benificiare fissando ora una prima consulenza gratuita.