Simest transizione digitale ed ecologica: tutti i dettagli del bando 2023

Simest transizione digitale ed ecologica

Con il decreto del 1° giugno 2023, reso pubblico nella Gazzetta Ufficiale il 15 luglio, il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ha annunciato le nuove linee di finanziamento gestite da Simest, la società appartenente al gruppo Cassa depositi e prestiti.

Queste nuove linee di finanziamento includono diversi strumenti di supporto per le imprese. Oltre a quelli già esistenti, che riguardano l’apertura di sedi all’estero, lo sviluppo di piattaforme di commercio elettronico, la partecipazione ad eventi internazionali e l’assunzione di un Temporary Manager, si aggiungono due nuove opzioni: Certificazioni e Consulenze e Transizione Digitale e/o Ecologica. In questo articolo vedremo i dettagli di quest’ultima. Perciò, se vuoi capire meglio come funziona, cosa prevede, chi può beneficiarne e come fare domanda, continua a leggere.

Simest Transizione ecologica e digitale: cos’è e cosa prevede?

La misura Transizione digitale ed ecologica è una novità di Simest. L’obiettivo di questa linea è sostenere le imprese che desiderano investire in tecnologie innovative per la digitalizzazione dei processi aziendali, o per adottare pratiche ecologiche e sostenibili. L’agevolazione prevede che l’azienda beneficiaria destini almeno il 50% dell’importo ricevuto a investimenti digitali e/o ecologici, mentre la restante parte, fino al 50%, può essere utilizzata per ulteriori investimenti da includere nel patrimonio aziendale.

La quota destinata agli investimenti patrimoniali può essere aumentata fino al:

  • 70% dell’importo approvato, a condizione che l’impresa dimostri, durante il processo di rendicontazione:
    • Un aumento dei costi energetici pari almeno al 100%, confrontando i bilanci relativi agli ultimi due esercizi precedenti alla presentazione della domanda.
    • Un fatturato da esportazione pari almeno al 20% al momento della presentazione della domanda.
  • 80% dell’importo approvato per le imprese con interessi nei Balcani Occidentali.
  • 90% dell’importo approvato per le imprese con unità locali o sedi operative situate nei territori colpiti da alluvioni verificatesi a partire dal 1° maggio 2023.

L’importo minimo dell’investimento è di 10.000 euro, e l’importo massimo dell’investimento non può superare il 35% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci. In ogni caso, l’importo massimo dell’investimento non può superare i seguenti limiti, a seconda della dimensione dell’impresa:

  • Micro Impresa: massimo 500.000 euro.
  • PMI e PMI innovative: massimo 2.500.000 euro.
  • Altre imprese: massimo 5.000.000 euro.

Simest Transizione digitale ed ecologica: quali sono le spese ammesse?

Come detto, l’obiettivo principale della misura è incentivare le aziende a investire nella digitalizzazione dei processi aziendali o nell’adozione di pratiche ecologiche e sostenibili. Per questo, tra le spese ammissibili di Simest Transizione Digitale ed Ecologica, troviamo:

  • spese per la transizione digitale;
  • spese per la transizione ecologica;
  • spese per investimenti mirati a rafforzare la propria solidità patrimoniale, anche in Italia;
  • spese consulenziali professionali per le verifiche di conformità alla normativa ambientale nazionale;
  • spese per consulenze finalizzate alla presentazione e gestione della richiesta di agevolazione, fino a un massimo del 5% dell’importo deliberato.

Anche in questo caso, le spese devono essere sostenute dalla data di comunicazione del CUP (Codice Unico di Progetto) e devono avvenire entro i 24 mesi successivi alla data di stipula del contratto di finanziamento. Tuttavia, si fa eccezione per le spese riguardanti le consulenze finalizzate alla presentazione e gestione della richiesta di Simest Transizione Digitale ed Ecologica, le quali sono ammissibili anche se svolte precedentemente alla presentazione della domanda.

Beneficiari di Simest Transizione digitale ed ecologica: quali sono i requisiti?

Sono considerate idonee per la richiesta della misura le aziende che, con sede legale e operativa in Italia, al momento della richiesta rispondono ai seguenti criteri:

  • hanno presentato al Registro Imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi contabili completi precedenti la data di richiesta;
  • rientrano nella classificazione da 1 a 9, secondo il credit scoring.

In alternativa, per poter presentare la domanda e ottenere l’incentivo, le imprese devono soddisfare uno dei seguenti requisiti:

  • avere un fatturato di esportazione pari almeno al 10% dell’ultimo bilancio;
  • essere una PMI con codice Ateco produttivo, con un fatturato di esportazione pari almeno al 3% dell’ultimo bilancio e far parte di una filiera produttiva composta da almeno tre imprese clienti.

Il finanziamento agevolato e il contributo a fondo perduto di Simest Transizione ecologica e digitale

Come detto, Simest Transizione Digitale prevede un finanziamento a tasso agevolato in regime “de minimis” fino a un massimo di 500.000€, e la possibilità di ottenere un contributo a fondo perduto fino al 10% dell’importo richiesto e comunque fino a un massimo di 100.000€.

Vediamo nel dettaglio le caratteristiche del finanziamento agevolato:

  • il tasso è fisso, pari allo 0,464% (10% del tasso di riferimento UE) aggiornato a luglio 2023;
  • la durata massima del finanziamento è di 4 anni, con i primi 2 anni considerati come periodo di preammortamento.

Il finanziamento viene erogato in tre tranche:

  1. La prima tranche, come anticipo, può coprire fino al 25% dell’importo complessivo del finanziamento approvato.
  2. La seconda tranche, pari al 25% dell’importo del finanziamento approvato, sarà erogata entro un anno dalla stipula del finanziamento e dopo aver presentato la prima rendicontazione obbligatoria.
  3. La terza tranche rappresenta il saldo dell’importo rendicontato.

Al finanziamento agevolato, aziende con specifiche caratteristiche possono richiedere in aggiunta un contributo a fondo perduto fino al 10% dell’importo dell’intervento agevolativo, con un limite massimo di 100.000 euro. Tuttavia, per poter richiedere il contributo a fondo perduto, le imprese devono rientrare in una delle seguenti categorie:

  • PMI giovanili o femminili o innovative.
  • PMI con una quota di fatturato da esportazione pari al 20% del fatturato totale.
  • PMI in possesso di certificazioni ambientali/di sostenibilità come ISO 45001, ISO 14001, SA8000.
  • Imprese in possesso di certificazioni ambientali/di sostenibilità e che dimostrano, entro la data della prima erogazione, di aver intrapreso azioni per integrare i criteri ESG nel governo societario.
  • PMI con sede operativa nelle Regioni del Sud Italia.
  • Imprese con interessi diretti nei Balcani Occidentali.

Quando e come presentare domanda per i bandi Simest?

Anche per Simest Transizione Digitale ed Ecologica, è possibile inviare le domande a partire dalle ore 9:00 del 27 luglio 2023 tramite la piattaforma online portalefinanziamenti.simest.it. L’iter di presentazione della domanda richiede il caricamento di diversi documenti e molte accortezze per non compromettere l’ottenimento del bando. Per questo motivo ogni PMI dovrebbe affidarsi a un’azienda specializzata in finanza agevolata, come noi di Finera. I nostri esperti ti supportano per tutto il processo, dalla presentazione fino all’erogazione del contributo. Sei interessato a Simest Transizione Digitale ed Ecologica? Allora, fissa subito una prima consulenza gratuita con i nostri esperti in finanza agevolata.

Blog finera

Cerchi liquidità e contributi per la tua azienda?

Oltre 500 imprese ci hanno già scelto

Scopri tutte le opportunità di cui l’azienda può benificiare fissando ora una prima consulenza gratuita.

Ultimi articoli

Blog finera

Cerchi liquidità e contributi per la tua azienda?

Oltre 500 imprese ci hanno già scelto

Scopri tutte le opportunità di cui la tua azienda può benificiare fissando ora una prima consulenza gratuita.