Startup innovative: scopri gli incentivi 2024 da non perdere

Incentivi startup innovative

Nel panorama dell’imprenditorialità italiana, il Ministero dello Sviluppo Economico si impegna a sostegno delle startup innovative, lanciando una varietà di iniziative volte a stimolare l’innovazione e garantire una crescita sostenibile. Attraverso prestiti agevolati, contributi a fondo perduto e misure di supporto al credito, il Ministero mira a facilitare la nascita e lo sviluppo di nuove imprese, offrendo loro condizioni finanziarie vantaggiose e riducendo il rischio legato all’avviamento e all’espansione delle attività. Queste politiche rappresentano un’opportunità imperdibile per le startup innovative nel 2024, offrendo loro le risorse necessarie per prosperare in un mercato competitivo e contribuire al progresso economico del Paese. Vuoi avere maggiori informazioni? Allora, continua a leggere questo articolo.

Cosa si intende per startup innovativa?

Con il termine startup innovativa si riferisce a una nuova impresa caratterizzata da un forte orientamento all’innovazione, sia in termini di sviluppo di nuovi prodotti o servizi sia attraverso l’adozione di nuovi processi o modelli di business. Queste imprese si distinguono per la loro capacità di rispondere a esigenze di mercato in modo non convenzionale, utilizzando la tecnologia e l’innovazione come leva principale per la crescita economica e la competitività.

Nel contesto italiano, per essere riconosciuta ufficialmente come “startup innovativa”, un’impresa deve soddisfare specifici criteri definiti dalla normativa vigente, tra cui:

  1. Essere di nuova costituzione o attiva da meno di 5 anni.
  2. Avere la sede principale dei propri affari e interessi in Italia.
  3. Non distribuire utili.
  4. Avere come oggetto sociale esclusivo o prevalente lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico.
  5. Non superare un determinato fatturato annuo e avere un bilancio annuale inferiore a un certo importo.
  6. Investire una parte significativa delle proprie spese in ricerca e sviluppo.

Le startup innovative possono beneficiare di una serie di agevolazioni fiscali e contributi, facilitazioni nell’accesso al credito, procedure semplificate per la partecipazione a bandi di finanziamento pubblico e altre misure di supporto disegnate per accelerare la loro crescita e favorire l’innovazione. Queste misure sono pensate per stimolare l’imprenditorialità nel campo tecnologico e scientifico, sostenendo le imprese che hanno il potenziale per contribuire significativamente all’economia attraverso la creazione di nuovi posti di lavoro qualificati e lo sviluppo di tecnologie innovative.

Programmi di finanziamento e incentivi per startup: la lista aggiornata

Nel dinamico mondo dell’imprenditorialità, le startup innovative rappresentano quindi la punta di lancia del progresso tecnologico e economico. Per navigare con successo in questo ambiente competitivo, accedere a risorse finanziarie adeguate è cruciale. Per questo motivo esistono numerosi programmi di finanziamento e incentivi, messi a punto per sostenere queste giovani imprese nella loro fase di crescita e sviluppo. Dalle agevolazioni fiscali ai prestiti agevolati, passando per contributi a fondo perduto e supporto all’innovazione, la lista aggiornata che segue offre una panoramica completa delle opportunità disponibili per le startup nel 2024. Queste risorse sono progettate per alimentare l’innovazione, facilitare l’espansione sul mercato e sostenere lo sviluppo di soluzioni rivoluzionarie, fornendo agli imprenditori gli strumenti necessari per trasformare le loro visioni in realtà tangibili.

1. Smart and Start Italia

Smart&Start Italia rappresenta un’opportunità significativa per le startup innovative ad alto contenuto tecnologico di tutte le regioni italiane. Questo programma ha l’intento di stimolare una cultura imprenditoriale moderna legata all’economia digitale, valorizzare la ricerca scientifica e tecnologica e incentivare il ritorno dei talenti dall’estero. Il finanziamento, che copre progetti con spese tra 100.000 euro e 1,5 milioni di euro, prevede condizioni favorevoli per il rimborso e non impone scadenze fisse per la presentazione delle domande, garantendo una valutazione entro 60 giorni.

2. ON – Oltre Nuove Imprese a Tasso Zero

Questo programma è indirizzato ai giovani e alle donne che aspirano a diventare imprenditori, offrendo un mix di finanziamento a tasso zero e contributi a fondo perduto per progetti con spese fino a 3 milioni di euro. L’obiettivo di ON – Oltre Nuove Imprese a Tasso Zero è sostenere le micro e piccole imprese, con un focus particolare su quelle gestite da giovani under 35 o da donne, coprendo fino al 90% delle spese ammissibili.

3. Smart Money – Fase 2

Smart Money – Fase 2 si rivolge a startup innovative in fase iniziale che cercano di accedere a servizi specialistici e know-how per sviluppare il loro progetto e prepararsi al lancio sul mercato. Questa fase del programma è aperta alle startup che hanno già beneficiato di un primo intervento e che ricevono investimenti da enti qualificati, offrendo un contributo a fondo perduto pari al 100% dell’investimento ricevuto fino a un massimo di 30.000 euro.

4. Resto al Sud 2024

Resto al Sud 2024 è un’iniziativa promossa dal governo italiano, specificamente rivolta a incentivare la nascita e lo sviluppo di nuove attività imprenditoriali e professionali nelle regioni meridionali dell’Italia. Questo programma è destinato a giovani imprenditori, compresi tra i 18 e i 55 anni, che desiderano avviare un’attività nelle regioni del Mezzogiorno, comprese le isole.

L’obiettivo principale è stimolare la crescita economica e contrastare il fenomeno della “fuga di cervelli” dal Sud verso altre aree del paese o all’estero. “Resto al Sud” offre un mix di contributi a fondo perduto e finanziamenti a tasso agevolato, coprendo fino al 100% delle spese ammissibili per l’avvio di nuove imprese. Questa misura rappresenta una significativa opportunità per i giovani imprenditori di realizzare i propri progetti imprenditoriali, contribuendo al contempo al rilancio economico delle regioni meridionali italiane.

5. Italia Startup Visa

Italia Startup Visa è un’iniziativa governativa italiana mirata ad attrarre imprenditori non UE per avviare startup innovative nel paese. Il processo di candidatura, interamente digitale, richiede agli interessati di presentare un business plan che evidenzi l’innovatività e il potenziale economico della loro idea. Rivolto a talenti esterni all’UE con almeno 50.000 euro di risorse finanziarie disponibili per l’investimento, il programma offre un visto d’ingresso per lavoro autonomo, facilitando l’accesso a un ecosistema di supporto composto da incubatori, acceleratori e agevolazioni fiscali. La domanda si compila online, allegando il business plan e la prova delle risorse finanziarie, offrendo così un’opportunità unica agli imprenditori internazionali di contribuire all’innovazione italiana.

6. Incentivi fiscali de minimis per startup e PMI innovative

Gli investitori in startup innovative o PMI innovative, ottengono una detrazione IRPEF del 50%, entro i limiti del Regolamento “de minimis”. Regolato dal Decreto interministeriale del 28 dicembre 2020 e inserito nel Decreto Rilancio, richiede che gli investimenti, fino a 100mila euro per startup e 300mila euro per PMI per periodo di imposta, siano mantenuti per almeno tre anni. Gli investimenti possono essere diretti o tramite organismi specializzati, con un tetto di aiuti “de minimis” di 200mila euro in tre anni per le imprese riceventi.

Come accedere agli incentivi per startup innovative?

Accedere agli incentivi per startup innovative richiede di navigare in un complesso panorama normativo e burocratico, che spesso rappresenta una sfida significativa per gli imprenditori alle prime armi. Tra le difficoltà maggiormente riscontrate vi sono la comprensione dei criteri di eleggibilità, la corretta preparazione e presentazione della documentazione richiesta, e il rispetto dei termini e delle scadenze specifici per ciascun incentivo. Inoltre, la gestione delle fasi post-candidatura, inclusa la rendicontazione e l’eventuale controllo degli enti erogatori, può risultare onerosa senza una guida esperta.

In questo contesto, l’importanza di affidarsi a professionisti specializzati in finanza agevolata diventa cruciale. Esperti del settore come quelli del team di Finera, possono offrire un supporto fondamentale nell’individuazione delle opportunità più adatte al profilo della startup, nell’ottimizzazione delle pratiche di candidatura e nella gestione di tutte le fasi procedurali, aumentando le probabilità di successo nell’accesso agli incentivi e permettendo agli imprenditori di concentrarsi sul core business della loro impresa.

Vuoi avere maggiori informazioni e scoprire come Finera può aiutarti ad accedere agli incentivi per la tua startup innovativa? Allora, contattaci per una prima consulenza gratuita e non vincolante.

Blog finera

Cerchi liquidità e contributi per la tua azienda?

Oltre 500 imprese ci hanno già scelto

Scopri tutte le opportunità di cui l’azienda può benificiare fissando ora una prima consulenza gratuita.

Ultimi articoli

Cerchi liquidità e contributi per la tua azienda?

Oltre 500 imprese ci hanno già scelto

Scopri tutte le opportunità di cui la tua azienda può benificiare fissando ora una prima consulenza gratuita.