Cos’è il factoring e come funziona? Guida ai vantaggi per le imprese

cos'è il factoring [guida]

In un contesto economico sempre più dinamico e competitivo, il factoring resta uno strumento finanziario interessante per la gestione del capitale circolante delle aziende. Questo strumento finanziario, infatti, non è solo un semplice mezzo per accelerare gli incassi, ma rappresenta una vera e propria leva strategica per la gestione efficiente del credito. Però, cos’è il factoring? Come funziona e quali sono i vantaggi nell’utilizzarlo? Per rispondere a tutte queste domande, continua a leggere questa guida.

Che cos’è il factoring? La cessione del credito tra imprese

Vediamo subito cos’è il factoring. Il factoring è un contratto atipico (potremmo dire “straordinario”, regolato dalla legge 52/1991) tramite il quale un’impresa cede a una società specializzata i propri crediti esistenti o futuri. Una volta che la tua impresa decide di stipulare questo tipo di contratto, ha automaticamente la possibilità:

  • di ottenere subito liquidità;
  • gestire in maniera facilitata il credito ceduto;
  • ottenere l’incasso e l’anticipazione del credito prima della loro scadenza.

La fattorizzazione dei tuoi crediti può avvenire in modalità “pro-solvendo” : ciò significa che la società di factoring acquista i tuoi crediti con diritto di rivalsa sulla tua impresa, nel caso di mancato pagamento da parte del tuo debitore. Esiste anche una modalità di contratto più vantaggiosa detto “factoring pro-soluto”. Grazie a questa formula, la società di cessione del credito tra imprese non può vantare alcun diritto di rivalsa sulla tua impresa.

Come funziona la cessione del credito tra imprese?

La società di factoring, quindi, si assume la responsabilità di riscuotere l’importo dei tuoi crediti su commissione. L’impresa cedente, infatti, riceve l’importo dei crediti ceduti, prima della loro scadenza. La differenza costituisce il guadagno della società di cessione del credito tra imprese, che spesso fornisce anche finanziamenti all’azienda cliente sotto forma di anticipazioni sui crediti non ancora scaduti.

La società di factoring può esercitare il servizio:

  • con accredito anticipato (conventional factoring): il factor oltre a garantire un servizio di gestione crediti anticipa al cedente l’80% circa del controvalore dei crediti ceduti, trattenendo la differenza per possibili resi, abbuoni o contestazioni.
  • a scadenza (maturity factoring): il factor svolge essenzialmente un servizio di gestione crediti, il cui importo sarà accreditato al cliente solo dopo la data di scadenza degli stessi.
  • indiretto: l’impostazione del factoring tradizionale è rovesciata in quanto cliente del factor è lo stesso debitore. La funzione del factor è quella di garantire la solvibilità del debitore.

Cos’è il factoring? Esempio pratico di cessione del credito tra imprese

Un’impresa cede un credito a tre mesi per un importo di 20 mila euro, con la clausola pro soluto ad una società di factoring. L’impresa riceve subito un accredito di 10 mila euro, pari al 60% del credito al netto di interessi passivi e commissioni mentre 2.000 euro spettano al factor. Il restante 40% del credito viene saldato al momento dell’incasso del credito originario, dopo tre mesi dopo.

Scopri in questo video i 7 grandi vantaggi del factoring

Chi può richiedere il factoring?

Qualsiasi impresa può stipulare questo tipo di contratto con una società di factoring o factor, l’operatore specializzato che si prende carico e finanzia anticipatamente una parte dei crediti di un’impresa, in cambio di liquidità. Puoi trovare le società che stipulano contratti di cessione del credito tra imprese nell’Albo apposito. Generalmente si tratta di banche ma non solo (sul sito Assifact.it è disponibile l’elenco completo). Resta poi un terzo attore da tenere in considerazione ossia l’impresa o l’imprenditore “debitore ceduto” con la quale la tua impresa ha sottoscritto un contratto di fornitura.

Vantaggi e Svantaggi della cessione del credito tra aziende

Come abbiamo visto, con questa tipologia di contratto, un’impresa cede i propri crediti commerciali a una società di factoring, che a sua volta fornisce liquidità immediata all’impresa in cambio di una commissione. Come ogni forma di finanziamento, il factoring presenta vantaggi e svantaggi. Vediamoli di seguito:

Vantaggi del factoring:

  • Liquidità immediata: uno dei principali vantaggi del factoring è la possibilità di ottenere liquidità immediata, senza dover attendere il pagamento dei propri crediti commerciali da parte dei clienti. Questo consente all’impresa di avere a disposizione liquidità per finanziare le proprie attività, pagare i fornitori o investire in nuovi progetti.
  • Riduzione del rischio di insolvenza: cedendo i propri crediti commerciali al factor, l’impresa riduce il rischio di insolvenza dei propri clienti, in quanto è il factor a garantire il recupero del credito. Questo permette all’impresa di concentrarsi sulle proprie attività, senza dover preoccuparsi di eventuali ritardi o mancati pagamenti da parte dei clienti.
  • Semplificazione della gestione dei crediti: la gestione dei crediti commerciali può essere complessa e onerosa per le imprese. Il factoring permette di semplificare questa gestione, poiché il factor si occupa di tutte le attività relative al recupero dei crediti, compresa la gestione delle pratiche di recupero e l’eventuale azione in giudizio.

Svantaggi del factoring:

  • Costo elevato: il factoring comporta un costo elevato rispetto ad altre forme di finanziamento, poiché il factor deve coprire i propri costi e ottenere un margine di profitto dalla commissione. Questo può rendere il factoring poco conveniente per le imprese con margini di profitto bassi.
  • Possibile riduzione del rapporto con i clienti: cedendo i propri crediti commerciali al cessionario, l’impresa può perdere il rapporto diretto con i propri clienti, in quanto sarà il factor a gestire il recupero dei crediti. Questo può comportare un rischio reputazionale per l’impresa, in quanto i clienti potrebbero percepire il factoring come un segnale di difficoltà finanziarie.
  • Vincoli contrattuali: il factoring comporta l’adozione di vincoli contrattuali con la società di factoring, che possono limitare la libertà di gestione dell’impresa. Ad esempio, il factor può richiedere la verifica della solvibilità dei clienti prima di concedere il finanziamento, o imporre limiti sulla scelta dei clienti o dei prodotti finanziati.

In sintesi, il factoring può rappresentare una soluzione interessante per le imprese che hanno bisogno di liquidità immediata e desiderano semplificare la gestione dei propri crediti commerciali. Tuttavia, prima di adottare questa forma di finanziamento, è importante valutare attentamente i costi, i vincoli contrattuali e il possibile impatto sul rapporto con i clienti.

Faq: le risposte alle tue domande sul factoring

Cos’è il factoring in parole semplici?

Il factoring è un contratto con cui la tua azienda cede a una società specializzata i propri crediti esistenti o futuri, per ottenere subito liquidità e una serie di servizi correlati alla gestione e all’amministrazione del credito ceduto.

Quando usare il factoring?

L’uso del factoring è diffuso soprattutto tra aziende che operano in settori in cui la dilazione dei pagamenti ai clienti è importante. Un esempio sono le imprese industriali e commerciali, che hanno come prassi pagamenti dilazionati ai clienti cha vanno dai 30, ai 60 o addirittura ai 90 giorni. In questi casi, per avere immediato accesso alla liquidità, si ricorre al factoring.

Che tipi di factoring ci sono?

Esistono 2 tipologie principali di factoring, che abbiamo visto nell’articolo: la cessione del credito pro solvendo e quella con formula pro soluto. A queste, si aggiungono anche: il Full Factoring, il Maturity Factoring, l’International Factoring e il Reverse Factoring.

Chi sono le società di factoring?

Le società di factoring offrono diversi servizi, come: la gestione e l’amministrazione dei crediti dell’impresa che li cede, l’incasso dei crediti e la concessione di anticipazione dei crediti prima della loro scadenza.

Come richiedere una consulenza per il factoring

Ora hai le idee chiare su che cos’è il factoring e quanto può essere vantaggioso per la tua impresa devi sapere che ottenerlo può essere difficile. Il mondo del credito è diventato veramente complesso anche solo rispetto a 5 anni fa. Le banche, incastrate nella burocrazia e alle prese con un nuovo credit crunch, faticano a poter soddisfare tutte le richieste delle imprese.

Gli imprenditori spesso si sono visti rifiutare dalle banche e hanno deciso di rivolgersi a noi di Finera, società esperta in consulenza in finanza aziendale che permette alle PMI di accedere al credito e ottenere liquidità in tempi brevi e condizioni vantaggiose. Tanti imprenditori come te, scelgono di affidarsi a mediatori creditizi per ottenere prestiti agevolati per imprese. Se anche tu vuoi accedere al credito e ottenere liquidità, allora richiedi una consulenza gratuita.

Blog finera

Cerchi liquidità e contributi per la tua azienda?

Oltre 500 imprese ci hanno già scelto

Scopri tutte le opportunità di cui l’azienda può benificiare fissando ora una prima consulenza gratuita.

Ultimi articoli

Cerchi liquidità e contributi per la tua azienda?

Oltre 500 imprese ci hanno già scelto

Scopri tutte le opportunità di cui la tua azienda può benificiare fissando ora una prima consulenza gratuita.