Misura Microcredito PMI: domande dal 15 gennaio 2024

Misura Microcredito PMI

Con il Decreto n. 16379 del 24 ottobre 2023, la regione Lombardia ha lanciato una nuova iniziativa significativa: la Misura Microcredito PMI. Essa rappresenta un’importante opportunità sia per le piccole e medie imprese, che per i lavoratori autonomi con partita IVA individuale non iscritti al Registro delle Imprese. Con un approccio innovativo, questa iniziativa mira a fornire un supporto finanziario essenziale per stimolare la crescita e lo sviluppo delle attività imprenditoriali nella regione. Se vuoi avere maggiori informazioni su questa misura di Regione Lombardia, continua a leggere questo articolo.

Cos’è il Microcredito PMI di Regione Lombardia?

La “Misura Microcredito PMI” della Regione Lombardia è un’iniziativa finalizzata a sostenere le PMI e i lavoratori autonomi situati nella regione Lombardia. Progettata per facilitare l’accesso al credito a quelle entità imprenditoriali che potrebbero incontrare difficoltà nel reperire finanziamenti attraverso i canali bancari tradizionali, questa misura rappresenta un importante strumento di politica economica regionale, volto a promuovere l’imprenditorialità e a sostenere la crescita economica delle piccole imprese e dei lavoratori autonomi nella regione.

Misura Microcredito PMI Lombardia: destinatari, obiettivi, erogazione e finanziamenti

La Misura Microcredito PMI di Regione Lombardia si rivolge in modo specifico alle PMI e ai lavoratori autonomi dotati di partita IVA individuale, con una particolare attenzione per coloro che non sono iscritti al Registro delle Imprese. L’obiettivo principale di questa iniziativa, come già anticipato, è quello di facilitare l’avvio e lo sviluppo di nuove imprese, concentrandosi soprattutto su quei settori o aree geografiche che tradizionalmente ricevono meno attenzione dalle sistema bancario tradizionale.

L’erogazione del Microcredito avviene attraverso operatori di Microcredito che hanno stipulato convenzioni con la Regione Lombardia. Questi operatori sono responsabili della presentazione delle domande a nome dei soggetti interessati e gestiscono l’intero processo di finanziamento, assicurando una distribuzione efficace e mirata delle risorse.

I finanziamenti offerti variano in termini di importo, ma sono generalmente concepiti come piccoli prestiti. Questi fondi sono destinati a coprire una varietà di esigenze aziendali, che includono spese operative, acquisto di attrezzature o investimenti in capitale circolante. Le condizioni di finanziamento, come tassi di interesse, periodi di rimborso e garanzie richieste, sono progettate per essere più vantaggiose rispetto a quelle normalmente disponibili sul mercato bancario tradizionale, rendendo il microcredito un’opzione accessibile e attraente per le PMI e i lavoratori autonomi.

Al di là del semplice sostegno finanziario, la Misura Microcredito PMI di Regione Lombardia si distingue anche per la sua offerta di servizi aggiuntivi. Questi includono:

  • il mentoring
  • la consulenza
  • la formazione

Questi servizi aggiuntivi sono volti a fornire agli imprenditori gli strumenti necessari per sviluppare e gestire con successo le loro attività. Attraverso questa combinazione di assistenza finanziaria e supporto imprenditoriale, la misura mira quindi a creare un ambiente favorevole in cui le PMI possono prosperare e contribuire in modo significativo all’economia regionale.

Microcredito PMI Regione Lombardia: requisiti e criteri di eleggibilità

I criteri di eleggibilità per questa misura sono stati definiti per assicurare che l’aiuto sia indirizzato alle entità che ne hanno più bisogno. Questi criteri sono stati stabiliti dalla delibera di Giunta Regionale n. 737 del 24 luglio 2023. L’obiettivo è fornire un sostegno concreto agli imprenditori emergenti, facilitando così la nascita e lo sviluppo di nuove imprese in Lombardia.

La misura è aperta a due categorie principali: le PMI, come definite dal Regolamento UE, e i lavoratori autonomi con partita IVA. Per le PMI, i requisiti includono:

  • una registrazione regolare al Registro Imprese;
  • una durata di attività non superiore a cinque anni.

Per i lavoratori autonomi, invece, è necessario aver iniziato l’attività da non più di cinque anni e avere il domicilio fiscale in Lombardia. Entrambi, sia PMI che lavoratori autonomi, devono aver già ottenuto una delibera di finanziamento da un operatore di microcredito convenzionato.

Microcredito PMI: risorse disponibili e agevolazione finanziaria

La dotazione finanziaria per la Misura Microcredito PMI ammonta a 24 milioni di euro, provenienti dal PR FESR 2021-2027. La misura prevede cofinanziamenti con condizioni favorevoli: un massimo di 40.000 euro per finanziamento, con una durata che varia da 48 a 60 mesi. Il tasso di interesse è particolarmente vantaggioso, combinando uno 0% dalla quota di Regione Lombardia e un tasso fisso massimo del 9% dagli Operatori di Microcredito.

Quando e come candidarsi e presentare domanda per la Misura Microcredito PMI

La procedura di presentazione delle domande è stata semplificata per garantire la massima accessibilità. Le domande di finanziamento possono essere inoltrate esclusivamente tramite gli Operatori di Microcredito convenzionati con la Regione Lombardia. Questo significa che i richiedenti dovranno selezionare un operatore convenzionato che presenterà la domanda online per loro conto, a partire dalle 10.30 del 15 gennaio 2024, attraverso la piattaforma dedicata “Bandi e servizi”.

Leggi anche

Blog finera

Cerchi liquidità e contributi per la tua azienda?

Oltre 500 imprese ci hanno già scelto

Scopri tutte le opportunità di cui l’azienda può benificiare fissando ora una prima consulenza gratuita.

Ultimi articoli

Blog finera

Cerchi liquidità e contributi per la tua azienda?

Oltre 500 imprese ci hanno già scelto

Scopri tutte le opportunità di cui la tua azienda può benificiare fissando ora una prima consulenza gratuita.