Bando “Scoperta imprenditoriale”: 300milioni stanziati per il Mezzogiorno

Bando scoperta imprenditoriale

L’agevolazione “Scoperta imprenditoriale”, inserita nel quadro del Programma Nazionale Ricerca, Innovazione e Competitività per il periodo 2021-2027, mira a promuovere l’innovazione nelle aree meno avanzate del Mezzogiorno, finanziando progetti di ricerca e sviluppo. L’ammontare dei fondi disponibili è pari a 300 milioni di euro e, le imprese interessate, possono iniziare a compilare le domande a partire dal 24 gennaio 2024, mentre la data di invio è stata stabilita a partire dal 7 febbraio 2024. Ma cosa prevede questa agevolazione? Chi può beneficiane e quali sono i requisiti? Continua a leggere questo articolo per scoprire tutti i dettagli.

Bando scoperta imprenditoriale: 300 milioni per il Mezzogiorno

Un fondo di 300 milioni di euro è stato stanziato con il Decreto del 13 luglio 2023, destinato a finanziare iniziative che contribuiscano alla transizione verde e digitale del Sud Italia. Un 60% di queste risorse è riservato a PMI e reti di imprese, con una sotto-quotazione del 25% specificamente per le micro e piccole imprese.

Scoperta imprenditoriale: destinatari e requisiti

La misura è accessibile dalle imprese di tutte le dimensioni, che abbiano sede nel Mezzogiorno, che dispongano di almeno due bilanci approvati, incluse quelle operanti in settori industriali, agroindustriali, artigianali e di servizi all’industria, nonché ai Centri di ricerca.

Quali requisiti devono avere i progetti?

I progetti finanziati dovranno riguardare ricerca industriale e sviluppo sperimentale per nuovi prodotti, processi o servizi, o per il miglioramento significativo di quelli esistenti, utilizzando tecnologie abilitanti chiave (KETs) all’interno delle aree tematiche della Strategia nazionale o di altre aree rilevanti.

I progetti devono essere realizzati nelle regioni meno sviluppate, con un budget tra 1 e 5 milioni di euro e una durata tra 18 e 36 mesi. Devono inoltre essere condotti in forma collaborativa, includendo PMI e, potenzialmente, attraverso contratti di rete o altre forme di collaborazione.

“Scoperta imprenditoriale”: erogato con finanziamenti agevolati e contributi diretti

Il bando “Scoperta imprenditoriale” offre sostegno finanziario alle imprese e agli organismi di ricerca tramite finanziamenti agevolati e contributi diretti. I finanziamenti coprono il 50% dei costi ammissibili, con contributi diretti variabili: 35% per le piccole imprese, 30% per le medie e 25% per le grandi.

Gli organismi di ricerca beneficiano di contributi diretti al 60% per la ricerca industriale e al 40% per lo sviluppo sperimentale. Questa struttura incentiva l’innovazione nelle regioni meno sviluppate, promuovendo collaborazioni che trasformano la ricerca in applicazioni concrete, supportando così la crescita economica e tecnologica.

Come accedere all’agevolazione per le imprese del Mezzogiorno

Le domande possono essere presentate a partire dal 7 febbraio 2024 per progetti che rientrano nei criteri stabiliti. Le istruzioni per compilare le domande sono disponibili sul sito ufficiale dell’ente.

Come tutte le agevolazioni, anche “Scoperta imprenditoriale” prevede un iter burocratico e richiede che vengano presentati documenti specifici. Per evitare di commettere errori che potrebbero compromettere l’accesso ai fondi, è sempre consigliato affidarsi a esperti di finanza agevolata, come noi di Finera. Il nostro team di professionisti può guidarti in ogni passaggio, dalla raccolta dei documenti alla presentazione della domanda, fino all’erogazione del contributo. Vuoi maggiori informazioni? Contattaci subito per una prima consulenza gratuita e non vincolante.

Blog finera

Cerchi liquidità e contributi per la tua azienda?

Oltre 500 imprese ci hanno già scelto

Scopri tutte le opportunità di cui l’azienda può benificiare fissando ora una prima consulenza gratuita.

Ultimi articoli

Blog finera

Cerchi liquidità e contributi per la tua azienda?

Oltre 500 imprese ci hanno già scelto

Scopri tutte le opportunità di cui la tua azienda può benificiare fissando ora una prima consulenza gratuita.