Buono Fiere: il fondo perduto per far partecipare le PMI alle fiere

buono fiere

A partire dal 9 settembre 2022 alle ore 10:00, le imprese potranno fare richiesta per il “Buono Fiere”, il nuovo contributo a fondo perduto che vuole sostenere la partecipazione delle PMI alle manifestazioni fieristiche internazionali organizzate in Italia.

Per questa misura, sono state messe a disposizione delle imprese con sede su tutto il territorio nazionale risorse pari a 34 milioni di euro. L’obiettivo delle risorse del Buono Fiere è contribuire sia alla promozione che alla valorizzazione delle eccellenze nazionali. A questo obiettivo si aggiunge la volontà di aiutare anche la ripresa del settore fieristico, duramente colpito sia dalla pandemia che dal conflitto russo-ucraino.

Le fiere sono [infatti] la vetrina delle nostre aziende, luoghi dove l’ingegno del Made in Italy trova la sua collocazione ideale all’interno di spazi che puntano a favorire l’incontro tra gli espositori e i visitatori provenienti da tutto il mondo”. ha dichiarato il Ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti.

Cosa prevede il Buono Fiere? Tutto sul nuovo contributo a fondo perduto

Il Buono Fiere prevede un contributo a fondo perduto nella misura massima di 10.000 euro, pari al 50% delle spese sostenute dalle imprese che partecipano a fiere internazionali organizzate sul territorio italiano nel periodo compreso tra il 16 luglio e il 31 dicembre 2022. Gli eventi per i quali le aziende possono richiedere e beneficiare del contributo, interessano diversi settori e sono quelli inseriti nel calendario fieristico approvato dalla Conferenza delle Regioni e delle province autonome.

Quando richiedere il bonus fiere?

Il “Buono fiere”, che può riguardare la partecipazione a una o più manifestazioni fieristiche, può essere richiesto una sola volta da ciascun soggetto beneficiario ed è valido fino al 30 novembre 2022, termine entro cui i beneficiari dovranno richiedere il rimborso delle spese sostenute per la partecipazione: dall’affitto agli allestimenti degli spazi espositivi, dai servizi per le attività promozionali a quelle relative al trasporto, noleggio di impianti nonché alle spese per l’impiego di personale a supporto dell’azienda.

Bisogna segnalare che il Buono Fiere verrà riconosciuto in considerazione dell’ordine temporale di presentazione delle domande e sempre tenendo conto delle risorse stanziate per la misura.

Come richiedere il contributo a fondo perduto per partecipare alle fiere?

Per richiedere il buono fiere, le imprese devono seguire la procedura messa a disposizione dal Ministero sul sito www.mise.gov.it. L’iter burocratico prevede diversi passaggi e, ogni impresa, deve verificare di possedere i requisiti tecnici e le autorizzazioni necessarie in vista dell’invio della domanda di prenotazione del buono, possibile dal 9 settembre.

Per evitare errori che potrebbero causare il rifiuto della richiesta, consigliamo di richiedere supporto a un’azienda specializzata in finanza agevolata, come Finera. Se vuoi ottenere il contributo a fondo perduto del buono fiere, richiedi una consulenza gratuita con un nostro esperto.

Blog finera

Cerchi liquidità e contributi per la tua azienda?

Oltre 500 imprese ci hanno già scelto

Scopri tutte le opportunità di cui l’azienda può benificiare fissando ora una prima consulenza gratuita.

Ultimi articoli

Cerchi liquidità e contributi per la tua azienda?

Oltre 500 imprese ci hanno già scelto

Scopri tutte le opportunità di cui la tua azienda può benificiare fissando ora una prima consulenza gratuita.