Credito d’imposta ricerca e sviluppo 2023: tutte le risposte utili a una PMI come la tua

Credito d'imposta ricerca e sviluppo 2023

Il credito d’imposta per la ricerca e lo sviluppo, l’innovazione tecnologica, il design e l’ideazione estetica è una misura agevolativa disponibile anche nel 2023 per sostenere la competitività delle micro, piccole e medie imprese italiane. In breve, la misura prevede un tax credit pari al 20%, 15%, 10% o al 5% delle spese ammissibili, nel limite massimo annuale di 5, 4 o 2 milioni di euro.

Come ogni agevolazione, anche per il credito d’imposta R&S, le PMI hanno diversi dubbi e domande. In questo format, rispondiamo alle FAQ (domande più frequenti) sul tax credit per ricerca e sviluppo.

1) Credito d’imposta ricerca e sviluppo 2023: a chi spetta?

Il credito d’imposta R&S è rivolto a tutte le imprese residenti nel territorio italiano, incluse le stabili organizzazioni di soggetti non residenti, indipendentemente dalla natura giuridica, dal settore economico di appartenenza o dalla dimensione. La fruizione del credito è soggetta a determinate condizioni, come il rispetto delle normative sulla sicurezza sul lavoro e l’adempimento degli obblighi di versamento dei contributi previdenziali e assistenziali a favore dei lavoratori.

2) Come funziona l’agevolazione?

Il credito può essere utilizzato in compensazione ed è richiedibile per 3 tipologie di investimenti:

  • attività di ricerca fondamentale
  • attività di innovazione tecnologica (anche 4.0 e verde)
  • attività di design e ideazione estetica

Di questo tax credit esiste anche una forma maggiorata, con aliquota fino al 45% per le imprese del Sud. È stato introdotto nel 2013 dal Decreto 145 e modificato fino alle ultime regole valide, definite nel 2020 dal Decreto MIMIT. La misura utilizza le risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione.

3) Quali sono le spese ammissibili dal credito per ricerca e sviluppo?

Il credito d’imposta per ricerca e sviluppo 2023 copre le spese relative alle attività di ricerca in campo scientifico e tecnologico, di innovazione tecnologica, imprese 4.0 e transizione verde, di design e ideazione estetica. Andando più nello specifico, le spese ammissibili variano a seconda dell’attività intrapresa e prevedono, ad esempio:

  • spese per il personale direttamente impiegato nello svolgimento delle attività di design e ideazione estetica ammissibili al credito d’imposta;
  • quote di ammortamento, canoni di locazione finanziaria o di locazione semplice e le altre spese relative ai beni materiali mobili utilizzati nelle attività di ricerca, sviluppo, design e innovazione estetica;
  • spese per servizi di consulenza e servizi equivalenti;
  • spese per materiali, forniture e altri prodotti analoghi.

4) Quando scade il credito per R&S?

L’art. 1, c. 271, Legge di bilancio 2023 ha prorogato dal 31 ottobre 2023 al 30 novembre 2023 il termine entro il quale occorre presentare la domanda di riversamento del credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo.

5) Come richiedere il credito d’imposta ricerca e sviluppo 2023?

Per richiedere il credito d’imposta ricerca e sviluppo 2023, le imprese devono presentare una domanda e fornire una serie di documenti, tra cui una descrizione delle attività di ricerca e sviluppo effettuate e delle spese sostenute.

Tuttavia, inviare una richiesta di credito d’imposta all’Agenzia delle Entrate può essere complesso. Come detto, bisogna fornire una documentazione molto completa, che mostri nel dettaglio gli investimenti agevolabili effettuati e che devono essere ammessi dal credito di cui si vuole fruire.  

Oltre a dover conservare tutte le fatture e le ricevute fiscali in tuo possesso, potresti avvalerti del supporto di una società esperta in finanza agevolata e consulenza in finanza aziendale, come noi di Finera. Grazie a un team di professionisti altamente qualificati, possiamo supportarti nell’accesso al credito d’imposta ricerca e sviluppo 2023. Richiedi ora una consulenza gratuita per avere maggiori informazioni.

Blog finera

Cerchi liquidità e contributi per la tua azienda?

Oltre 500 imprese ci hanno già scelto

Scopri tutte le opportunità di cui l’azienda può benificiare fissando ora una prima consulenza gratuita.

Ultimi articoli

Bandi simest

Bandi Simest: tutti i finanziamenti attivi per le PMI

Bandi e finanziamenti Simest sono sempre un’opportunità interessante per le imprese che vogliono internazionalizzarsi. Inoltre, anche per il 2024, i finanziamenti interessano l’e-commerce, il temporary manager, le fiere, la transizione digitale, le consulenze e l’ingresso in nuovi mercati. Ci sono quindi agevolazioni per ogni necessità. Scopri tutti i dettagli per accedere correttamente. Leggi l’articolo.

Leggi tutto →
Invitalia bandi

Invitalia bandi: la lista completa 2024

Nel 2024, Invitalia continua a essere un punto di riferimento per imprese e start-up italiane, offrendo una vasta gamma di opportunità di finanziamento, inclusi contributi a fondo perduto e finanziamenti a tasso zero. Leggi questo articolo e scopri la lista completa e aggiornata dei bandi Invitalia attivi nel 2024.

Leggi tutto →
Imprenditoria femminile

Imprenditoria femminile: guida ai fondi 2024

In Italia ci sono 1 milione e 325mila imprese femminili, che registrano una crescita in molti settori come la sanità e l’insegnamento. L’imprenditoria femminile è quindi un elemento fondamentale per l’economia italiana ed è per questo motivo che vengono stanziati fondi e agevolazioni per incentivarne la crescita. Scopri tutti i dettagli sull’imprenditoria femminile italiana e accedi ai fondi attivi nel 2024.

Leggi tutto →
Blog finera

Cerchi liquidità e contributi per la tua azienda?

Oltre 500 imprese ci hanno già scelto

Scopri tutte le opportunità di cui la tua azienda può benificiare fissando ora una prima consulenza gratuita.