Quarta rata PNRR: in arrivo 16,5 miliardi per l’Italia

Quarta rata pnrr

La Commissione europea ha dato il via libera alla quarta rata del PNRR italiano. L’Italia riceverà così 16,5 miliardi di euro. La Presidente del Consiglio Giorgia Meloni ha evidenziato che questo risultato, arrivando poco dopo l’approvazione della revisione generale del PNRR da parte della Commissione europea, conferma l’impegno del Governo italiano nel realizzare il PNRR per modernizzare e rendere più competitivo il Paese. Leggi i dettagli in questa news.

La Commissione Europea approva la quarta rata del PNRR per l’Italia

Come anticipato, per l’Italia è arrivato il “sì” alla quarta rata del PNRR che, tra i principali investimenti finanziati, presenta quelli nella digitalizzazione, la transizione al cloud delle pubbliche amministrazioni locali, lo sviluppo dell’industria spaziale, l’idrogeno verde, i trasporti, la ricerca, l’istruzione e le politiche sociali. Con il pagamento di questi 16,5 miliardi di euro, previsto entro fine anno, l’Italia avrà ricevuto circa 102 miliardi di euro entro il 2023, più della metà del totale del PNRR. L’Italia sarà l’unico Stato membro dell’UE a ricevere il pagamento della quarta rata entro l’anno. Fino ad oggi, l’Italia ha ricevuto 85,4 miliardi di euro, compresi 9 miliardi di euro in sovvenzioni e 15,9 miliardi di euro in prestiti erogati in prefinanziamento, oltre a tre pagamenti precedenti.

L’Italia ha raggiunto importante tappa del PNRR

Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione Europea, ha riconosciuto il raggiungimento da parte dell’Italia di un’importante tappa nell’attuazione del suo Piano di Ripresa e Resilienza, lodando le riforme nel settore degli appalti pubblici, del sistema giudiziario, nonché gli investimenti in settori come l’educazione della prima infanzia, l’idrogeno e la digitalizzazione della pubblica amministrazione.

Il Vicepresidente della Commissione Valdis Dimbrovskis ha evidenziato che l’Italia sta semplificando le procedure per stimolare maggiori investimenti verdi, promuovere la mobilità sostenibile e aggiungere treni a zero emissioni alla rete ferroviaria pubblica regionale. Ha apprezzato le riforme in materia di appalti pubblici, amministrazione fiscale e magistratura in ambito civile e penale, oltre a iniziative per ridurre le differenze regionali in materia di povertà educativa e migliorare l’accesso ai servizi per le persone anziane.

Quarta rata PNRR: attuati con successo i 21 traguardi e i 7 obiettivi

Paolo Gentiloni, Commissario per gli Affari Economici, ha affermato che l’Italia ha attuato con successo i 21 traguardi e i 7 obiettivi collegati a questa richiesta di pagamento. Questi obiettivi includono riforme per migliorare l’efficienza della giustizia civile e penale, modernizzare la pubblica amministrazione, ridurre i ritardi nei pagamenti e migliorare l’assistenza alle persone anziane, nonché investimenti nell’inclusione sociale, nell’efficienza energetica e nelle infrastrutture per l’idrogeno.

La Commissione ha inviato al Comitato Economico e Finanziario (Cef) la sua valutazione preliminare positiva, chiedendo il parere del Cef, che dovrà esprimersi entro quattro settimane. Il parere del Cef sarà considerato nella valutazione e decisione finale della Commissione sull’erogazione del contributo finanziario. Solo dopo la decisione della Commissione, l’Italia potrà ricevere il pagamento.

Leggi anche questi articoli

Blog finera

Cerchi liquidità e contributi per la tua azienda?

Oltre 500 imprese ci hanno già scelto

Scopri tutte le opportunità di cui l’azienda può benificiare fissando ora una prima consulenza gratuita.

Ultimi articoli

Blog finera

Cerchi liquidità e contributi per la tua azienda?

Oltre 500 imprese ci hanno già scelto

Scopri tutte le opportunità di cui la tua azienda può benificiare fissando ora una prima consulenza gratuita.