Bando economia circolare: fino a 300.000 euro a fondo perduto per le PMI lombarde

Bando economia circolare

Il bando RI.CIRCO.LO. è il nuovo bando di Regione Lombardia per supportare le PMI lombarde nello sviluppo di azioni di economia circolare. Il bando è stato approvato con decreto n. 5293 del 2 aprile 2024. Le domande di partecipazione possono essere presentate a partire dalle ore 09:00 del 7 maggio 2024 e devono essere inviate entro le ore 16:00 del 18 giugno 2024, attraverso la piattaforma Bandi e Servizi. Per maggiori informazioni e dettagli sul bando, continua a leggere questo articolo.

Bando economia circolare: cosa prevede Ri.Circo.Lo

Il bando RiCircoLo di Regione Lombardia ha una dotazione finanziaria di € 5.000.000,00, provenienti dal programma PR FESR 2021-2027, con possibilità di incremento a seconda delle disponibilità e delle esigenze. Attivo fino al 18 giugno 2024 (fino alle ore 16:00), il bando di economia circolare lombardo offre contributi a fondo perduto alle PMI operanti nelle filiere della plastica e del tessile. Questo supporto è volto a incentivare azioni di economia circolare.

Il contributo copre fino al 50% delle spese ammissibili, con un limite massimo di 300.000 euro per ciascuna PMI. Il finanziamento totale messo a disposizione dalla Regione Lombardia ammonta a 5 milioni di euro, provenienti dai fondi PR FESR 2021-2027, con possibilità di un incremento ulteriore delle risorse disponibili. La percentuale di finanziamento può aumentare fino al 60% per i progetti che superano del 30% i risultati attesi, misurati ex-post, in termini di riduzione della produzione di rifiuti, minor utilizzo di materie prime, e incremento di rifiuti riciclati o avviati a riciclo.

Sono ammissibili interventi associati a tutte le fasi del ciclo di vita delle filiere della plastica e del tessile, inclusi vari aspetti come la valorizzazione dei residui di produzione, il riutilizzo di imballaggi e prodotti a fine vita, e la modifica delle linee produttive per migliorare la sostenibilità e la riciclabilità dei prodotti.

Chi può partecipare al bando Ri.Circo.Lo?

Le PMI, sia singolarmente che in forma aggregata, possono presentare domanda di partecipazione alla misura. Tali imprese devono:

  • essere attive e regolarmente iscritte nel Registro delle Imprese
  • avere sede nel territorio lombardo.

Non sono ammesse ai contributi le imprese in stato di fallimento o altre condizioni simili, così come i settori esclusi dall’art. 1, par. 1 e 2 del Reg. (UE) 2023/2831.

Come accedere al bando economia circolare di Regione Lombardia?

Per partecipare efficacemente al bando RiCircoLo di Regione Lombardia, volto a supportare le PMI delle filiere della plastica e del tessile nelle azioni di economia circolare, bisogna presentare domanda entro il 18 giugno 2024, fino alle ore 16:00, tramite la piattaforma Bandi e Servizi, utilizzando il codice bando RLT12024038383. Il processo di selezione avverrà attraverso una procedura a graduatoria, che determinerà l’assegnazione delle risorse finanziarie disponibili.

Per accedere al contributo è consigliabile affidarsi a consulenti esperti in finanza agevolata, come quelli di Finera. Gli esperti di Finera possono offrire un supporto fondamentale nella preparazione e presentazione delle domande, assicurando che tutti i requisiti siano soddisfatti e massimizzando le possibilità di successo. Il nostro team di professionisti permette alle PMI di navigare più facilmente attraverso la complessità delle linee guida e dei requisiti del bando, riducendo il rischio di errori e aumentando le possibilità di ottenere il finanziamento. Vuoi avere maggiori informazioni? Allora, richiedi ora la tua consulenza gratuita e non vincolante.

Leggi anche:

Blog finera

Cerchi liquidità e contributi per la tua azienda?

Oltre 500 imprese ci hanno già scelto

Scopri tutte le opportunità di cui l’azienda può benificiare fissando ora una prima consulenza gratuita.

Ultimi articoli

Cerchi liquidità e contributi per la tua azienda?

Oltre 500 imprese ci hanno già scelto

Scopri tutte le opportunità di cui la tua azienda può benificiare fissando ora una prima consulenza gratuita.