Terza rata PNRR: l’Italia incassa 18,5 miliardi di euro

terza rata pnrr

L’Italia ha raggiunto una tappa significativa nel percorso del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza: ha ottenuto la terza rata del PNRR da parte della Commissione Europea. Fino ad oggi, l’Italia ha ricevuto un considerevole finanziamento di 85,4 miliardi di euro dal PNRR, che rappresenta il 44% delle risorse totali messe a disposizione per il Paese. Questa è senza dubbio una svolta positiva per l’economia italiana, ma è fondamentale mantenere un approccio responsabile nell’utilizzo di tali fondi.

Il processo di sblocco di questa terza rata ha richiesto più tempo rispetto alle precedenti tranche per via delle revisioni e dei rilievi sollevati dalla Commissione Europea su alcune voci del piano. La necessità di rimodulare gli obiettivi, è segno che la Commissione Europea sta svolgendo un ruolo di vigilanza attivo per garantire un utilizzo dei fondi efficace e in linea con gli obiettivi stabiliti.

18,5 miliardi: terza rata PNRR leggermente inferiore

La terza rata incassata ammonta a 18,5 miliardi di euro, leggermente inferiore rispetto ai 19 miliardi inizialmente previsti. La differenza di 519 milioni di euro arriverà con la quarta rata, prevista per 16,5 miliardi. Il Ministero per gli Affari Europei, il Sud, le Politiche di Coesione e il PNRR, guidato da Raffaele Fitto, ha confermato che l’erogazione della terza rata si è basata sulla valutazione positiva della Commissione Europea sul raggiungimento dei 54 obiettivi e traguardi previsti dal PNRR. Il Ministro Fitto ha anche evidenziato che l’Italia ha già ricevuto più del 44% delle risorse totali previste nel PNRR, un segnale positivo per il Paese.

Tuttavia, la sfida ora è concentrarsi sulla quarta rata, che è prevista per la fine dell’anno. I primi riscontri da Bruxelles sono incoraggianti, ma è fondamentale ricordare che l’approvazione definitiva non è ancora completa. È essenziale continuare a lavorare per garantire il successo del piano e il pieno utilizzo delle risorse disponibili. Ovviamente anche il pagamento delle rate dipenderà dal raggiungimento degli obiettivi stabiliti nel PNRR. Questo vincolo è fondamentale per assicurare che i fondi vengano investiti in progetti che realmente contribuiscano alla ripresa e alla resilienza dell’Italia.

Bisogna ricordare che l’Italia ha apportato modifiche significative al proprio PNRR nel mese di luglio, escludendo alcune misure precedentemente approvate per concentrarsi su nuove iniziative, in particolare quelle legate alla transizione ecologica. Questi cambiamenti richiedono una gestione attenta e responsabile delle risorse per garantire una ripresa economica sostenibile e resiliente per l’Italia.

Leggi altre news Finera sul PNRR:

Blog finera

Cerchi liquidità e contributi per la tua azienda?

Oltre 500 imprese ci hanno già scelto

Scopri tutte le opportunità di cui l’azienda può benificiare fissando ora una prima consulenza gratuita.

Ultimi articoli

Cerchi liquidità e contributi per la tua azienda?

Oltre 500 imprese ci hanno già scelto

Scopri tutte le opportunità di cui la tua azienda può benificiare fissando ora una prima consulenza gratuita.